Home Storie dei Bresciaraduni 27° Bresciaraduno: prove di Star Party.
27° Bresciaraduno: prove di Star Party. PDF Stampa E-mail
Scritto da Massimo Alessandria   
Martedì 21 Luglio 2009 17:21

L'incontro di questo mese è stato uno dei più ricchi avvenimenti al quale finora ho partecipato.

Innanzitutto abbiamo concluso l'installazione della centralina meteo, con webcam, che vedete nell'apposita pagina del sito. Ora è fissa a Bazena, e ci restituisce continuamente oltre ai dati meteo anche l'immagine del cielo in direzione sud. E' una gran comodità, oltre a darmi, personalmente, l'impressione di essere un pochino là (magari!).

Poi, per un caso della sorte e per vari fattori che si sono sommati, eravamo veramente in tanti. Durante la notte abbiamo contato 22 postazioni, tra visualisti e fotografi. Gli astrofili erano certamente di più, perchè non tutti avevano uno strumento al seguito.

Il Bresciaraduno ha infatti raccolto, oltre alla nostra associazione (GADS) anche quella di Cinisello Balsamo (GACB), quella di Castenedolo (BS) e altri nuovi amici. Credo che piano piano la nostra idea che Bazena sia un valido compromesso tra comodità (andare a dormire lasciando i telescopi montati "non ha prezzo"), disponibilità del gestore e, soprattutto BUIO, stia trovando l'approvazione anche di altri ... e siamo tutti contenti, perchè è piacevole radunarsi sotto lo stesso cielo... il tempo per osservare da soli lo si può comunque trovare. E le emozioni, infatti, non sono mancate!

Nel pomeriggio, verso le 18, abbiamo avuto la fortuna di osservare dal vivo, con i dobson e i binocoli che erano già distesi sul campo, una delle uniche due aquile reali dei Parchi Adamello e Stelvio, in direzione est, che spesso si fermava immobile nel cielo a giocare col vento. Osservare dal vivo un animale così possente è stata davvero uno dei momenti più emozionanti. Io ho perfino detto, quasi scaramantico, "Se anche viene nuvoloso sono contento lo stesso" ... poi mi sono subito morso la lingua mentre un'orda di astrofili mi inseguiva urlante!

La cena è filata liscia (meglio del pranzo del giorno dopo, dove abbiamo atteso la grigliata circa un ora ... sgrunt!) e alle 22 già si cominciava ad uscire.

Purtroppo intorno alle 23 è arrivato il vento con raffiche fino a 14 m/s, che se n'è andato all'1 e 30 circa. Quelle due ore sono state difficili, perchè osservare era dura, gli strumenti ballavano e anche puntare gli oggetti non era molto agevole. Poi, per fortuna, l'ultima ora è andata meglio, e siamo riusciti a puntare un bel po' di oggetti. Questo vento ha sopreso alcuni di noi, che si sono trovati a indossare buffi abiti improvvisati (coperte, asciugamani, ecc).

Il cielo non era buio come al solito (SQM 21,10 contro i 21,46 misurati in altri incontri), complice a mio parere un'eccezionale trasparenza che ha permesso alle luci di salire senza filtri dalla pianura. La sera dopo, con vento molto meno forte, abbiamo misurato già 21,24, avvicinandoci a valori più congrui al sito.

Le immagini indimenticabili sono state:

-la Velo (NGC 6960-6992), ormai familiare nel 20" di Luigi. Puntata con un filtro OIII Astronomik non lascia nessuno indifferente, e alla scaletta di Luigi c'era una comprensibile coda. La sera successiva io e Luigi abbiamo trovato e osservato con sorpresa anche la parte centrale tra le due più famose.

-la visione del complesso M31, M32, M110 nel Newton 130/750 di Fabio: tutte e tre nello stesso campo fanno una certa impressione. E' difficile trovare stumenti di questa apertura, ma che restituiscono comunque molti gradi di campo.

-l'aquila reale, naturalmente

 

La Domenica pomeriggio e il Lunedì mattina mi sono anche fatto due belle gite a piedi in mezzo ai monti,ammirando dei bei panorami che sono facilmente raggiungibili partendo dal rifugio ... mi sa che di fine settimana a Bazena ne farò sempre di più!

 

Grazie a tutti per la compagnia e le belle emozioni ... e arrivedereci al 22/08!

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 25 Settembre 2009 22:07